fbpx

I nostri fotografi

Aldo Diazzi

Aldo Diazzi milanese di nascita. Ha studiato a Crema, Milano e Honolulu (Hawaii, USA). Ha lavorato come Fotografo, Supervisor e Group Leader in Italia ed in diversi stati esteri. Collabora con aziende, privati e tour operator. Con diversi corsi, viaggi fotografici & workshop in tutto il mondo all'attivo si occupa di fotografia a 360 gradi (ritratto, street, paesaggistica, fotografia notturna etc) e delle nuove tecniche che, oggigiorno, la fotografia digitale permette: VR 360°, high dynamic range imaging (HDR) e Cinemagraph & Motion Photography.
http://www.aldodiazzi.com

Gabriele Menis

Gabriele Menis, classe 1983, è fotoreporter e fotografo professionista amante di natura e viaggi. Fin da bambino coltiva una forte passione per il meteo, il Grande Nord e la neve, cosa che lo ha portato a realizzare viaggi avventura in Islanda, testimoniati da reportage video e fotografici, e a diventare vero e proprio “cacciatore di aurore boreali” in Lapponia, collaborando alla realizzazione di viaggi fotografici fuori dalle rotte turistiche. Le sue suggestive foto delle Luci del Nord sono pubblicate da media specializzati, siti di viaggi e social network nazionali e internazionali. Da sempre geek amante dell’informatica, si occupa pure di web, visual strategy e comunicazione online. Oltre a fotogiornalismo ed eventi, è specializzato nella fotografia sportiva: in particolare ha testimoniato con i suoi scatti le performance dell’Udinese e del campionato di calcio di serie A, il ciclismo e le massime competizioni internazionali di tennis. Paesaggi, animali, montagna, edifici dismessi e siti “misteriosi” sono oggetto di appassionati reportage. I suoi scatti sono stati pubblicati da testate come Corriere della Sera e La Repubblica , Gazzetta dello Sport e Il Sole 24 Ore, Sport Week e il Venerdì di Repubblica.
http://www.fotomenis.it

Giorgio Cosulich de Pecine

Giorgio Cosulich, nasce a Roma nel 1970. Dopo aver frequentato il corso di Fotografia dello IED, inizia la sua carriera di fotografo nel 1995 a New York, dove lavora per il PIER59 Studios, occupandosi di moda e glamour. Dopo due anni lascia lo studio per dedicarsi al fotogiornalismo ed al reportage sociale. Inizia a collaborare con agenzie fotogiornalistiche e riviste americane. Nel corso degli anni il suo lavoro lo ha portato in giro per il mondo in cerca di storie su persone e luoghi, diversificando i propri interessi su vari temi, come i conflitti balcanici di Bosnia e Kosovo, i rifugiati afgani in Pakistan, il movimento no global in Italia, i flussi degli immigrati in Africa, le comunità Rom nell’est europeo, le favelas brasiliane.

Le sue immagini sono correntemente pubbicate da prestigiose testate nazionali ed internazionali, tra le quali: l’Espresso, l’Europeo, GQ, Zoom, Max, Geo, Internazionale, Stern, The New York Times, Indian Time, Usa Today, People, Vanity Fair, The Guardian, The Observer, Newsweek, Time, Sportweek, Miami Herald, Los Angeles Times, The Washington Post.

Ha realizzato su commissione lavori di corporate per Esso, Shell, 2BCom, Saatchi&Saatchi, The British Council, Ripa Arte Hotel, Alitalia, Qantas, Pumex, Cathay Pacific, Comunità Europea, Nike, Lets’Bonus, Nazioni Unite.

Il suo lavoro è stato esposto in Italia e all’estero. Ha partecipato a numerosi festival quali il Festival Internazionale di Fotografia di Roma (2003, 2005, 2008), il Festival Internazionale di Foiano (2004), il RomaDocFest (2006) il SalinaDocFest (2007), il PordenoneFilmFest (2007), Ivrea Photo Festival (2011), Castelnuovo Fotografia (2014, 2015), Fotoleggendo (2016, 2018).

E’ autore dei libri:
Il Respiro del Silenzio, Ed. EDE
Africa Express, Ed. Postcart
Addis, The Urban Revolution, Ed. 14&15

Nel 2015 ha fondato 14&15, la prima casa editrice dedicata ad autori talentuosi della mobile
photography e dei social media.

Attualmente vive a Roma, il suo lavoro è regolarmente distribuito in tutto il mondo dall’agenzia Getty Images.
https://www.giorgiocosulich.com

Massimo Tarenghi

Nato a Monza il 30-7-1945, laureatosi all’università di Milano in fisica, dopo un periodo allo Steward Observatory in Arizona ha iniziato come borsista all’ ESO nel 1977 per poi diventare membro del personale internazionale dell’ ESO dal 1979 . Direttore nel periodo 1983 – 1991 del progetto del Telescopio di Nuova Tecnologia (NTT) dell’ESO. Dal 1988 ha assunto varie responsabilita nel progetto VLT (Very Large Telescope), per poi diventare nel 1991 Program Manager del VLT e Direttore della Divisione del VLT, diventando nel 1996 il primo direttore dell'Osservatorio di Paranal.
Dal 2003 al 2008 Direttore dell’Osservatorio ALMA.
Dal 2008 al 2013 rappresentante dell’ESO in Cile.
Ora Emeritus Astronomer all’ESO
Professore ordinario nel periodo di 1985 - 1988 di astrofisica all'Università di Milano.
Membro dell'Accademia dei Lincei. Commendatore della Repubblica Italiana .
Decorato della Grand Cross dell’Ordine di Bernardo O’Higgins dal Governo Cileno
Nel 2006 ha ricevuto “Premio Internazionale Barsanti e Matteucci”.
Nel 2013 ha ricevuto il premio “Tycho Brahe”.
Nel 2013 gli hanno conferito la nazionalità cilena “per grazia”.
http://www.nikonschool.it/images/master/tarenghi.htm

Simone Renoldi

Simone Renoldi, appassionato di viaggi astronomia e fotografia. Nel febbraio 2013 corona uno dei sui sogni: osservare e fotografare l'aurora boreale. Da allora ha approfondito la conoscenza dell'argomento sia da un punto di vista teorico che fotografico, ripartendo per una intera settimana in Islanda nel 2014 e poi nuovamente in Lapponia nel 2015 e 2016. Ha pubblicato il libro: "i 10 passi per imparare a conoscere e FOTOGRAFARE l'Aurora Boreale" (http://bit.ly/Aurora-Boreale): 10 capitoli che consentiranno a tutti gli appassionati di scoprire il piccolo grande universo dell'aurora boreale fornendo inoltre una guida dettagliata per fotografarla.
http://simonspassion4travel.blogspot.it/

Stefano Ceretti

Stefano Ceretti, classe 1968, professionista dal 1992. Nato come fotografo di cronaca prima e sportivo poi,a questo deve la sua abitudine a cogliere prontamente l’essenza di ciò che documenta, caratteristica che ha affinato con il tempo affermandosi
come autore di apprezzati reportage fotografici. Mostre, pubblicazioni e serate di presentazione sono state realizzate a Berlino, Londra, Tokyo, New York oltre che in varie città italiane. Parigi, Berlino, Londra, New York, Istanbul e la Cambogia sono le mete dei suoi più recenti lavori di street-photography.
http://www.stefanoceretti.com/

Stefano Ronchi

Amante della tecnologia e del mondo fotografico in particolare inizio la mia avventura in questo campo accompagnato da una Olympus OM1O, che tutt'ora possiedo. Lo abbandono per alcuni anni per ritornarci, in maniera sporadica, utilizzando una compatta Sony.

L'avvento del digitale e l'acquisto della reflex Canon Eos 30D nel luglio del 2007 aumentano l'interesse e la passione per il mondo fotografico. Dopo i primi approcci verso una veduta generale inizio a dedicarmi prevalentemente alla fotografia naturalistica, in particolare alla rappresentazione del mondo animale in tutte le sue forme, unendo queste due passioni inizio il mio percorso personale di fotografo naturalista.

Cerco, infatti, nelle mie fotografie, di dare risalto soprattutto alla dignità dell'animale, alla collocazione perfetta nel suo habitat, dando una rappresentazione più veritiera, rispettosa e suggestiva possibile. Attraverso l'occhio della mia fotocamera voglio trasmettere l'amore per ogni forma vivente, anche la più piccola, la meno considerata, la più banale, che ai miei occhi si riempie di magia in ogni movimento, ogni volo, ogni passo.
Indossare la natura in ogni suo profumo, in ogni suo colore e sfumatura, in ogni delicato momento diventa motivo fondamentale della mia visione fotografica, l'interazione con essa crea una simbiosi tra il mondo animale fuori e quello dentro al mio sguardo, cristallizzato in una immagine che lo consacra simbolo di vita.

Fotografare l'anima degli animali e ricongiungerla a quella degli uomini è ciò che mi muove.

Se in qualche modo i mie scatti vi avvicineranno al mondo animale con rispetto e vi faranno scoprire la meraviglia ancora nascosta, allora il mio entusiasmo fotografico diventerà ancora più tenacemente motivo della mia avventura.

Dal 26 gennaio 2010 faccio parte del programa CPS - Canon Professional Service
http://www.stefanoronchi.com/